GIANCARLO PICCIRILLI

 

FOTO ATTUALMENTE NON DISPONIBILE

 

 

BIOGRAFIA


Giancarlo Piccirilli mette all'ordine del giorno la rivisitazione "fisica e lustrale" del mondo, della sua natura ormai compromessa e in ritirata. Piccirilli si avvale con singolarità del disegno architettonico e del design, per quelli che assai propriamente chiama "lavori". C'è in lui, nel rapporto costante di reinvenzione della materia, la stessa ansia d'uso dell'artigiano. Lo confermano i materiali, pietra e legno, della sua pittura che sconfina, in ogni rappresentazione, nella scultura. Più che la dimensione del mito, la sua intenzione è la riproduzione, la "reversibilità" dell'universo stesso. Un tentativo continuo di rielaborare la superficie, la pelle dei materiali naturali che adopra, sproporzionando su scale interiori gli scenari dell' origine, della radice del mondo. La patina finta, su scala uno a uno, della pietra e delle venature del legno ricorda l'operazione culturale del rococò: quel falso manierato e volutamente abbondante che dà conto dell'impraticabilità del reale così com'è. E che si presenta per sostituirlo. Un'astuzia creativa che si misura anche con la necessità di ricostruire le venature, le pieghe, la "fessura" dell'universo, ponendo ancora una volta di fronte ai propri occhi l'idea di una "soglia" da varcare, da penetrare per scoprire. Il risultato finale che Piccirilli conquista è crudele e lucidissimo: la terra, ancorché desolata, è ormai terra di nessuno - l'umano e il suo sudore appaiono azzerati - e i tempi della vita possono ancora essere, se ricostruiti dall 'amore della ricerca febbrile, solo i tempi del legno e della pietra. Tommaso Di Francasco

 

   


 

Senza titolo

Cartone e ferro

46 x 55 cm

1991

opera unica

 

 

Collezione Permanente | home

Per utilizzare materiali e immagini di questo sito citare la fonte oppure contattare il MUSPAC

Via Ficara, Piazza d'Arti L'Aquila - tel 338.2374725 - info@museomuspac.com